Paestum – Templio di Cerere, Nettuno e Basilica

Cantiere posto nella piana di Paestum, già popolata nella preistoria e successivamente dai Greci verso la metà del VII secolo a.C. e dai romani nel 273 a.C. Un attento e minuzioso lavoro che ha impegnato studiosi e restauratori di fama internazionale come dimostrato dall’imponenza del ponteggio pensato ed ideato per l’esecuzione delle lavorazioni nella parti inaccessibili ed in particolar modo in quelle curve delle colonne dei templi
– 50.000 giunti per ponteggi
– 4.500 MQ di conservazione e restauro di superfici lapidee
– 1.800 frammenti lapidei consolidati e ricollocati nel sito originario
– 400 mq. Di integrazioni di parti mancanti
– manodopera impiegata mediamente circa 50 restauratori diplomati all’Istituto Centrale di Restauro di Roma

2017-12-12T11:43:13+00:00