Progettisti PRU di Soccavo

Il progetto interpreta i luoghi a cui appartiene e “dialoga” con il disegno complessivo di riqualificazione urbana previsto dal P.R.U. approvato dalla Amministrazione Comunale di Napoli. L’idea assegna al sito una valenza di luogo collettivo per una parte urbana più ampia, disegna un “parco con le attrezzature pubbliche e private”, un’area in cui la geografia e l’orografia dettano le condizioni di una permeabilità dell’area, abbatte l’idea di recinti e costrizioni. Il progetto individua il luogo della piazza-parco, agorà a cui tutto il quartiere appartiene, in un’area centrale “morbida” nei lati, connessa al sistema di viabilità pubblica al suo contorno che invoca una unità su cui si presentano le attrezzature della scuola materna-asilo nido, dei servizi di terziario di base e delle residenze. Un sistema insediativo orografico che fa dei vincoli una risorsa per sentirsi in rete, ma soprattutto un luogo da attraversare per connettere parti che sono concepite per stare insieme. Un luogo che ospita un ambiente di alberi e prati, aree ciclo-pedonali e aree per lo sport all’aperto lungo i tracciati delle curve di livello presenti nell’area.

Progetto del Teatro San Carlo in Napoli

Opera di valenza internazionale, sintesi di arte, tecnica e funzionalità, elemento di identità di Napoli: il Teatro San Carlo si configura come fulcro di aggregazione sociale e concreta testimonianza storica della città. Intervenire su tale manufatto identifica un punto d’incontro tra passato e futuro; il progetto, infatti, definisce nuove potenzialità di sviluppo nel rispetto della straordinaria storia del Teatro e dell’idea che del teatro aveva avuto Antonio Niccolini. La strategia di intervento messa in atto, mira alla riqualificazione architettonica ed impiantistica dell’opera per incrementare la  produzione teatrale,  nel rispetto dei valori storici di cui il Teatro stesso è testimonianza. Gli interventi di restauro- trattamento delle superfici, restauro del velario del soffitto, sala, foyer storico e ingresso da via S. Carlo- quelli innovativi- nuovo foyer, sala prove orchestre e coro, reparto ballo, reparto sartoria, sala scenografia, prova regia e coro- e la sinergia pensata tra il Teatro San Carlo, Palazzo Cavalcanti e due palazzine dell’ex Cirio (adibiti l’uno per la scuola di ballo e il coro di voci bianche, l’altro per la falegnameria e i magazzini per gli allestimenti e i costumi) rendono il complesso edilizio “luogo di spettacolo” ma anche di “lavoro sullo spettacolo”.  Manufatto emblematico con il volto della tradizione e l’anima del futuro: il Teatro San Carlo

2017-11-20T16:16:14+00:00